Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.

Radio Mater

«Ha invitato i sacerdoti a coltivare la comunione tra voi e a annunciare la speranza»

  • In home
  • 01/04/2018

Messa Crismale in Duomo dell’Arcivescovo di Milano: Nell’omelia, Mons. Delpini si è soffermato su «La Chiesa in debito» e ha anunciato in Avvento una visita pastorale capillare e rapida. Una Commissione per il bene comune lo aiuterà sulle questioni sociali

«Ha invitato i sacerdoti a coltivare la comunione tra voi e a annunciare la speranza»

Nella Messa concelebrata in Duomo l'omelia su «La Chiesa in debito». Delpini ha annunciato in Avvento una visita pastorale capillare e rapida. Una Commissione per il bene comune lo aiuterà sulle questioni sociali

«Contro le contrapposizioni e contro l’indifferenza, contro il risentimento e l’incomunicabilità, la Chiesa deve essere il segno che sono possibili, belli, doverosi l’intesa, il perdono, la condivisione, la premurosa attenzione reciproca, la benevolenza, la stima. Questa profezia, che la Chiesa deve al mondo, richiede che la comunione sia più evidentemente riconoscibile in coloro che sono chiamati al servizio della Chiesa, quindi in noi vescovi, preti, religiosi, diaconi». L’ho ha detto l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, ai sacerdoti ambrosiani riuniti in Duomo per la Messa Crismale.

«Siamo in debito verso il mondo contemporaneo di una parola che apra alla speranza», ha sottolineato l’Arcivescovo nell’omelia intitolata “La Chiesa in debito”. Proprio partendo da questa considerazione, monsignor Delpini ha raccomandato i sacerdoti di tornare al «contenuto del messaggio evangelico». Li ha invitati a rilanciare e ripensare «i percorsi di conoscenza e di assimilazione» delle Scritture a partire dai Gruppi di ascolto della Parola, alle proposte di formazione per i laici, come la pratica delle lectio, «per evitare che la Sacra Scrittura sia ridotta a un libro da leggere, studiare, commentare», trascurando l’«efficacia quasi sacramentale» che esercita in chi l’accosta.

L’Arcivescovo ha inoltre invitato i preti ambrosiani a curare «la celebrazione domenicale e la partecipazione dei fedeli, prestando attenzione «affinché tutti i cattolici si sentano sempre di più a proprio agio nella celebrazione eucaristica della loro comunità, anche se provengono da altri Paesi e parlano abitualmente un’altra lingua», accogliendo a tale proposito proprio le indicazioni del Sinodo «Chiesa dalle genti», la consultazione in corso in Diocesi, voluta dallo stesso Arcivescovo, sul tema della fede tra persone provenienti da culture differenti. Nell’omelia l’Arcivescovo ha anche annunciato l’intenzione di avviare una visita pastorale in occasione del prossimo Avvento, sottolineando che sarà «capillare» e «rapida».

Inoltre l’Arcivescovo ha fatto sapere di essersi impegnato in queste settimane con i suoi collaboratori più stretti a formare una «Commissione per la promozione del bene comune». «La profezia è anche giudizio sul presente, invito a conversione, contestazione delle strutture e dei comportamenti che rendono la vita difficile ai più deboli. A questa Commissione chiedo anche suggerimenti per sostenere quella domanda di impegno e di testimonianza nel sociale e nel politico che vedo rifiorire come un segno promettente nei vari incontri che ho vissuto, con amministratori locali cristiani e non, a seguito del mio discorso nella festa di sant’Ambrogio – ha sottolineato l’Arcivescovo -. La fase di accelerato cambiamento che stiamo vivendo a livello sociale, politico e culturale ha bisogno di realtà cristiane mature e capaci di un giudizio sereno e competente sui fatti e gli avvenimenti che ci segnano e contribuiscono a creare il nostro futuro».

Nella Messa – l’unica in programma nella mattinata del Giovedì Santo in tutta la Diocesi – sono stati benedetti gli Oli e consacrato il Crisma, destinati alle parrocchie per essere utilizzati nell’amministrazione dei sacramenti del Battesimo, della Cresima e dell’Unzione degli infermi. Le offerte raccolte durante la celebrazione sono destinate alla Fondazione Opera Aiuto Fraterno.

Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.