Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.

Radio Mater

Giovani non è sinonimo di "sala d'attesa"

  • In home
  • 02/02/2019

Il Papa alla Messa conclusiva della GMG: giovani non è sinonimo di "sala d'attesa"

"Voi cari giovani, non siete il futuro, ma l'adesso di Dio". Così il Papa ai circa 700 mila giovani che stamattina hanno partecipato alla Messa conclusiva della GMG di Panama. Alla celebrazione anche i presidenti di Panama, Costa Rica, Colombia, Guatemala, Honduras, Portogallo e Salvador.

E’ una chiamata ad essere protagonisti della propria vita e ad impegnarsi per gli altri, a cominciare dalla propria comunità ecclesiale, quella che Papa Francesco rivolge alle centinaia di migliaia di giovani che hanno passato la notte al Metro Park di Panama, dopo la Veglia di ieri sera, e ora partecipano alla Messa conclusiva della GMG 2019. Ma con una precisazione: la chiamata Dio la rivolge nell’oggi ed è adesso che attende la risposta. Il Papa commenta il brano evangelico di Luca del giorno dove si racconta di Gesù che, entrato nella Sinagoga, proclama davanti a tutti: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato”.

Dio ci chiama adesso

E’ l’inizio della sua missione pubblica e Francesco dice: Gesù rivela l’adesso di Dio che ci viene incontro per chiamare anche noi a prendere parte al suo adesso, in cui "portare ai poveri il lieto annuncio", "proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista", "rimettere in libertà gli oppressi" e "proclamare l’anno di grazia del Signore”.

Costa accettare la concretezza dell'amore di Dio

Ma non tutti quelli che ascoltarono Gesù si sentirono invitati e, dice il Papa, anche a noi può succedere di non credere “che Dio possa essere tanto concreto e quotidiano, tanto vicino e reale” e che ci possa invitare “a sporcarci le mani insieme a Lui”. Addirittura, sottolinea Francesco, “ci costa” accettare che l’amore di Dio si possa toccare con mano nella storia di tutti i giorni. Non sono poche le volte in cui ci comportiamo come i vicini di Nazaret, quando preferiamo un Dio a distanza: bello, buono, generoso ma distante e soprattutto che non scomodi. Un Dio addomesticato. Perché un Dio vicino e quotidiano, amico e fratello ci chiede di imparare vicinanza, quotidianità e soprattutto fraternità.

Non lasciatevi tranquillizzare o addomesticare

Dio è reale e concreto perché l’amore è reale e concreto, dice ancora il Papa. E parla del rischio che si voglia prendere le distanze da chi, nelle nostre comunità, vuol vivere concretamente il Vangelo. “E uno che è nato per essere profezia e annuncio del Regno di Dio – prosegue - viene addomesticato e impoverito. Voler addomesticare la Parola di Dio è una tentazione di tutti i giorni”. Può capitare anche ai giovani di sentirsi in “sala d’attesa”, ad aspettare il proprio turno e nel “frattanto” si inventano, o qualcuno inventa per loro, “un futuro igienicamente ben impacchettato e senza conseguenze”, dove la gioia è solo una finzione. Così vi “tranquillizziamo” e vi addormentiamo –avverte Papa Francesco - perché non facciate rumore, perché non facciate domande a voi stessi e agli altri, perché non mettiate in discussione voi stessi e gli altri; e in questo “frattanto” i vostri sogni perdono quota”.

Giovani, sentite che la vostra missione è oggi

Ai giovani raccomanda l’ascolto reciproco tra le generazioni per imparare gli uni dagli altri, in uno spazio comune in cui anche i giovani, però, possono darsi da fare. "Nessuno ti può promettere neanche un giorno del domani - insiste il Papa - la tua vita è quella di oggi. Tu devi metterti in gioco oggi, il tuo spazio è di oggi. Come stai rispondendo a questo?" E ripete: “Voi, cari giovani, non siete il futuro, ma l’adesso di Dio”. Non domani ma adesso, “sentite di avere una missione e innamoratevene”. L’amore che Gesù ci insegna “è amore concreto, vicino, reale”. E’ gioia festosa che nasce scegliendo di partecipare alla pesca miracolosa della speranza e della carità, della solidarietà e della fraternità di fronte a tanti sguardi paralizzati e paralizzanti per le paure e l’esclusione, la speculazione e la manipolazione.

La fede e il coraggio di Maria

E il pensiero del Papa va alla Vergine Maria che con il suo ‘sì’ ha accompagnato questa GMG, vero modello per i giovani: Lei non solo ha creduto in Dio e nelle sue promesse come qualcosa di possibile, ha creduto a Dio e ha avuto il coraggio di dire “sì” per partecipare a questo adesso del Signore. Ha sentito di avere una missione, si è innamorata e questo ha deciso tutto. Dovete sentire di avere una missione, lasciatevi innamorare e il Signore deciderà tutto".

Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.