Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.

La buona giornata

La Mamma!

Il Vangelo del giorno a cura di don Vittorio Marelli

don Vittorio Marelli, sacerdote della Parrocchia dell’Annunciazione a Milano Affori:

Riflessioni al Vangelo del giorno secondo la liturgia ambrosiana

 

 

 

Mercoledì 14/11/2018

Vangelo - (Mt 25,1-13)

Il Signore Gesù disse: «Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono. A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”. Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”. Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora».

Riflessioni

L’incontro con il Signore va preparato e non improvvisato.

È ciò che ci ricorda il fatto dell’impossibilità di comprare l’olio in extremis da parte delle cinque vergini stolte.

A volte anche noi improvvisiamo il nostro incontro con il Signore più che prepararlo.

Proviamo a pensare – ad esempio – come prepariamo la Messa domenicale: leggiamo prima il Vangelo? Arriviamo con qualche minuto di anticipo per raccoglierci? Come scegliamo l’orario della Messa a cui partecipare: mettendola come priorità della domenica oppure in coda agli altri impegni?

Fra qualche giorno saremo in Avvento, tempo che ci ricorda che l’attesa del Signore è la modalità con la quale il cristiano vive il tempo. Attesa che, come la parabola ci richiede, necessita di prontezza e costanza.

E io, preparo o improvviso il mio incontro con Gesù?

Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.